Passa ai contenuti principali

Blog Tour sulle tracce di Jack lo Squartatore di Kerri Maniscalco

 Buongiorno lettori,

oggi, per il Blog Tour, vi parlo del Castello di Dracula. Conoscete la storia?  è tutta una leggenda o c'è un fondo di verità?






Il castello di Brandon o Castello di Dracula, nominato cosi dopo il grande successo di Bram Stoker, si trova sull'antico confine tra la Transilvania e la Valacchia.



Edificato nel '300 con lo scopo di difendere dagli invasori ottomani il territorio che sovrasta, il castello di Bran fu voluto da Luigi I d'Ungheria.

Il castello, è stato per lungo tempo occupato da magiari e austriaci avendo una funzione startegica sia militare che economica.




Nel 1450 l'edificio venne occupato dal principe Vlad III di Valacchia. Fu tre volte principe di Valacchia e divenne presto un eroe popolare in Romania, per aver protetto più volte le popolazioni locali dalle scorrerie nemiche. Era un principe crudele e autoritario perchè usava tecniche dure di punizione: gli infami venivano pelati, bolliti, decapitati, impiccati, bruciati vivi, accecati,  e soprattutto impalati, e proprio per queste crudeltà che prese il nome di Tepes (impalatore).

Egli discendeva dalla famiglia dei Drăculești, da cui poi deriva il nome Dracula secondo la regola del patronimico (figlio di Dracul). Dracul era il soprannome del padre Vlad II e letteralmente vuol dire “diavolo”.


Nasce cosi la leggenda del Principe Dracula:questa esagerazione del personaggio è merito degli ecclesiastici appartenenti all’ordine dei benedettini, cappuccini e altri, i quali rifiutarono il subordinamento alle leggi dello stato imposte dal grande principe. Venne poi fortificato e radicato grazie al folklore e alla maestosa penna di Bram Stoker.


Stoker precisa con una nota che “Dracula” significa in romeno “il diavolo”, e benché avesse avuto l’intenzione nominare il personaggio “Il conte Vampire”, il nome di Dracula era più adatto.

In realtà  Dracula significa letteralmente “Figlio del Drago“, infatti lo stemma è un drago, e il padre era membro dell’Ordine cavalleresco del Drago.


Tra  il 1920 e il 1948 il castello è di proprietà della regina Maria di Romania, poi per la sua figlia Ileana. Dopo questo periodo il castello è stato abbandonato fino al 1956, quando, a seguito di una parziale ristrutturazione, è stato aperto al pubblico come museo di storia e arte feudale.

Il Castello di Bran in Transilvania e la leggenda del Conte Dracula |  Viaggiando nella Bellezza

"Sul bordo di un precipizio terrificante...con una spaccatura profonda in cui vi è un abisso (con) fili d'argento, dove i fiumi si snodano in gole profonde"

Le parole di Bram Stoker descrivono perfettamente il luogo in cui si trova il castello che emerge da una piccola gola.

Situato su una collina, sembra uscire dalle rocce ma, ciò che lo rende ancora più misterioso sono gli alberi che circondano tutto il perimetro.


La fortezza è costruita con blocchi di pietra di fiume e di mattoni, per dare maggiore solidità e sicurezza in condizioni di guerra, prevalentemente in stile neogotico, anche se, con gli anni, si sono aggiunte lo stile gotico e quello rinascimentale.

Quattro torri si ereggono nei quattro punti cardinali: la torre della polveriera, la torre di osservazione, la torre a est e la torre della porta.


Tra 1920-1927 il castello venne restaurato sotto guida dell’architetto della corte reale, Carol Liman, il quale lo trasforma in una bella residenza estiva, con tanto di parco, lago, fontane e terrazze.

Le camere e i corridoi delle mura di cinta del castello, formano un labirinto misterioso dove ci sono esposte importanti reperti dell’epoca e tra i più importanti si posso ammirare:


La sala d’armi ,La sala dei consigli ,La cappella ,La sala di musica ,La camera da letto e La camera orientale o camera “tirolese”, con icone di legno, importanti per valore storico e artistico. Sotto le scale c’è una camera stretta che veniva usata come prigione del castello. Infine,Il capitello della fontana del cortile interno, che veniva usata come nascondiglio sotterraneo, rappresenta una importante scultura di pietra in stile rinascimentale completano il complesso architettonico del castello.

Il castello si erge su 4 piani, dei quali solo il sotteraneo raffigura la struttura originaria. Poi troviamo il piano dedicato alla servitù, quella alla regina e alle principesse e,infine quella dedicata al re.


Bram Stoker non visitò mai di persona la fortezza, ma la riprodusse alla perfezione nelle sue descrizioni, immaginando ogni particolare e inoculando nella fantasia dei lettori un senso di terrore raramente sperimentato dalla letteratura gotica che lo aveva preceduto.

La Fortezza di Poenari, il vero castello del Conte Dracula | SiViaggia

Come sappiamo la leggenda di Dracula narra che il castello fosse la dimora del vampiro ma è errato. La dimora di Dracula è il castello di Poenai di cui sono visibili solo le fondamenta e qualche rudere.

La Fortezza di Poenari, il vero castello del Conte Dracula | SiViaggia

Eretto nel XIII secolo, fu abbandonato completamente dopo che la moglie del conte si gettò nel fiume sottostante.


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te