Passa ai contenuti principali

Segnalazione Boccioli di Rose di Maria Cristina Pizzuto

Ogni tanto ritorno!
Oggi vi presento un libro che tratta un argomento molto delicato e importante: L'anoressia.





Titolo: Boccioli di rose
Autore: Maria Cristina Pizzuto
Genere: Narrativa
Editore: Policromia (PubMe)
84 pagine
Amazon:https://amzn.to/2SVPKx6

TRAMA:
Il libro presenta la vita interpretata dagli occhi di una ragazza anoressica, sotto molteplici aspetti della quotidianità. Si alternano stralci di riflessioni, pensieri, emozioni, e paragrafi in cui lei descrive come uscire da quei meccanismi della mente, e dunque, con l’andar del tempo, in che modo venire fuori dal tunnel dell’anoressia.



ATTENZIONE:
Cliccando sui link Amazon citato sopra (e facendo acquisti subito dopo) riceverò da Amazon una piccola commissione in buoni che userò per comprare libri e altro materiale con cui porterò avanti il canale. Non ci sarà nessun costo aggiuntivo per voi e mi aiutereste un sacco usandoli!



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione Monstress 4 di Sana Takeda e Marjorie Liu

Buon pomeriggio lettori, oggi vi parlo di una graphic novel che amo alla follia, è diventata una mia ossessione. Sto parlando del quarto volume di Mostress. Qui trovate la recensione del  primo volume , del  secondo  e del  terzo . AMAZON: https://amzn.to/3iovnBY TRAMA: Maika e Corvin sono in viaggio attraverso una terra letale per ritrovare Kippa, alle prese con i suoi tremendi mostri. Ma quando Maika incontra uno straniero proveniente dal suo passato, la verità finalmente inizia a svelarsi. Maika sta per ottenere le risposte di cui è in cerca da sempre. Ma a quale prezzo? Nella guerra che si profila all'orizzonte, da che parte sceglierà di stare? RECENSIONE: Marjorie Liu e Sana Takeda hanno creato un mondo crudo e meraviglioso, spietato e affascinante.  Se da una parte la Liu ha ideato una trama complessa e ricca di violenza, suspence e tensione, dall'altra parte Sana Takeda ha dato vita alla storia grazie alla sua arte.  In questo volume le au

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Segnalazione "E alla fine c'è la vita" di Davide Rossi

Buongiorno lettori. Oggi, vi parlo di un libro che, secondo me, vi può piacere.   Titolo:  E alla fine c’è la vita Autore:  Davide Rossi Collana: Uno, due, tre… ciack! Genere: Sceneggiatura ISBN: 978-88-94921-10-6 Prezzo: € 9,00 Formato: cartaceo Facebook:  https://www. facebook.com/profile.php?id= 100011217730808 Link d'acquisto:  https://www. apolloedizioni.it/E-alla-fine- ce-la-vita AUTORE: Davide Rossi è nato il 18/01/1985 ed è cresciuto in un piccolo paese della  provincia di Pavia, Sant’Angelo Lomellina.  Nonostante gli studi di natura prettamente scientifica, continua a coltivare due  grandi passioni che lo accompagnano fin dalla tenera età: il cinema e la scrittura. La stesura di varie sceneggiature rappresenta dunque un’evoluzione naturale e una  di queste, scritta a sei mani, risulta nel film “Benvenuti a casa Verdi” del 2013  (Muccapazza film). Parrallelamente all’esperienza cinematografica inizia una fase di sperimentazione  che l’