Passa ai contenuti principali

Recensione Quasi nemici

 Buongiorno readers! Oggi recensione lampo per un romanzo divertente e che si legge tutto d'un fiato. Sto parlando di "Quasi nemici" di Elisa Crescenzi.





TRAMA: Chi ha detto che la passione per il cibo non possa diventare un lavoro?Di sicuro non Allyson Wilson Parker, irriverente food blogger con qualche chilo di troppo, che è riuscita a far entrare il popolo del web nella sua cucina di New York. Ha migliaia di follower che la amano, perché le sue ricette speciali sono in grado di conquistare il palato di chiunque.Beh, questo è quello che crede finché, durante un’intervista doppia per il NY Food Journal, non inciampa in lui: Ryan Collins. Trent’anni di devozione alla palestra, due occhi color nocciola, una carriera da personal trainer e degli addominali scolpiti da urlo. Peccato che sia anche testardo e irritante.Per fortuna Allyson non lo rivedrà mai più e… sbagliato!La redazione del Food Journal ha deciso di giocare sporco, costringendoli a una convivenza forzata lunga un mese. Cosa c’è di peggio al mondo che riunire sotto lo stesso tetto un maniaco del fitness e una cuoca che se ne frega delle calorie? Allyson ha deciso: quella contro Ryan è una guerra e lei la vincerà, quanto è vero che gli uomini vanno presi per la gola. Nessun beverone fosforescente avrà mai la meglio sulle lasagne. Ma quando l’odio si trasforma in attrazione e l’attrazione diventa passione… chi sarà a vincere la sfida?

«Vediamo chi la spunta, se il mio cioccolato o il tuo cavolfiore, signor Collins muscoli d'acciaio».

RECENSIONE: Ammetto che questo è il mio primo incontro con Elisa Crescenzi e non avevo proprio idea di cosa aspettarmi. Quello che ho scoperto è un libro frizzante, divertente e impertinente che, però, nasconde un cuore sensibile. Allyson e Ryan si trovano, per uno scherzo del destino, a dover convivere per un mese... Amante del cibo e foodblogger lei, palestra e fisico perfetto lui. Due stili di vita agli antipodi che si scontreranno e...incontreranno. 

Sebbene all'inizio Allyson mi risultava insopportabile, con questo con il suo continuo bisogno di sottolineare da sola il suo fisico imperfetto e tondo ogni volta che Ryan dimostrava interesse per lei, col proseguire della storia ho capito che il suo non era vittimismo, ma difesa. Sotto il sarcasmo e l'impertinenza, Ally nasconde ferite profonde che faticano a rimarginarsi e da cui si protegge prima che qualcuno possa affondarci di nuovo il coltello.

Ryan, da parte sua, è caparbio e testardo e non mollerà mai la presa. Determinato a dimostrare a Allyson che i suoi sentimenti sono sinceri e che l'amore passa per strade ben più importanti del solo aspetto fisico.

Con leggerezza e simpatia la Crescenzi ha saputo parlare dell'accettazione di se stessi, del percorso impervio per imparare ad accettarsi e delle ferite che i giudizi altrui possono lasciare nell'animo. Con una scrittura fluida e semplice, che arriva diretta e coinvolge, Elisa ha scritto un romanzo con cui sorridere, emozionarsi e, forse, trovare un pò di amore anche per noi.

Assolutamente consigliato!

Buona lettura, Roby.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso