Passa ai contenuti principali

Recensione Una Gioia di Lea Landucci

 Buona sera lettori,

oggi vi parlo del nuovo romanzo di Lea Landucci, conosciuta su instagram come Chicklit.italia, che ringrazio ancora immensamente per la fiducia.


Una gioia

AMAZON:https://amzn.to/3uUirJA

TRAMA:

In teoria, Alessandro Rindi, detto Alex, è l'uomo ideale: trentasette anni, ortopedico, affascinante e sexy, ma anche gentile e premuroso. In realtà, si porta dietro un bagaglio non indifferente: una ex moglie egocentrica e viziata, un ex suocero troppo presente e una figlia birichina e super intelligente, con la straordinaria capacità di dire la cosa sbagliata al momento sbagliato.


Quando Cristina lo conosce, dopo un brutto incidente, si rende conto che Alex non potrebbe essere più incompatibile con la sua vita e la sua viscerale insofferenza per i bambini. Ma quest'incontro la porterà a mettere tutto in discussione, ad affrontare paure e fragilità con coraggio, un pizzico di follia e l'immancabile supporto di Daniela e Sabrina, le sue migliori amiche. Riusciranno Alex e Cristina a trovare un equilibrio e la tanto sospirata felicità?



RECENSIONE:

Una Gioia è il nuovo romanzo cross-sequel della Landucci.

Cross sequel vuol dire che è il seguito di un romanzo (in questo casa Mai una Gioia) ma si può leggere tranquillamente come uno standalone. 


Questa storia è incentrata su Alex, ortopedico e padre della piccola Gioia.

Ha alle spalle una relazione complicata e un suocero molto invadente.

Si, avete capito bene.

Avete presente quei uomini pomposi che hanno i soldi e si credono al di sopra del mondo? Ecco, questa è la descrizione perfetta di Augusto, ex suocero di Alex. 

Un vecchio che vuole sempre essere servito e riverito, vuole avere l'ultima parola su tutto e potere decisionale delle persone che vivono sotto il suo tetto, sopratutto del futuro della nipotina. 


Gioia è una bambina speciale. A sei anni ha un QI altissimo, è una piccola Einstein... attenta ai dettagli, arguta, simpaticissima, non ha peli sulla lingua, non esiste la parola NO nel suo vocabolario, ha una spiccata capacità di comunicazione, è un amante dei lombrichi ed è semplicemente straordinaria. È impossibile non innamorarsi di lei. 


Questa non è solo la storia di un padre innamorato di sua figlia o di una bambina che deve vedere i propri genitori separarsi, è la storia d'amore di Alex e Cristina. 

Il loro primo incontro non è dei più romantici: Alex rianimerà Cristina in aeroporto, dopo un incidente.

L'impatto che questo incidente ha sulla vita di Cristina la sconvolgerà, non solo a livello fisico o psicologico, bensì sul piano emotivo.

Il nostro caro Alex avrà un occhio di riguardo per Cristina, (nonostante non sia il suo compito) la aiuterà durante tutta convalescenza e tra I due scatterà qualcosa. 



Il loro rapporto sarà contornato da dubbi, incertezze e tanta paura, soprattutto da parte di Cristina. Chi ha letto "Mai una gioia" sa cosa sta vivendo la nostra protagonista, o comunque, con chi dovrà fare i conti. 

Fidati, ne vedrete delle belle. 


Ho amato la scelta dell'autrice di far iniziare una relazione amorosa durante la pandemia. Ha reso il libro più realistico. Mette i brividi ripensare al primo lockdown.

L'incertezza del futuro, la paura dell'ignoto, la salvaguardia della salute delle persone che amiamo e che dobbiamo proteggere tenendole a distanza, il terrore di non rivederle più....Queste sono alcuni sentimenti che torneranno a galla, sarà dura rivivere tutto con gli occhi di Cristina ma ne varrà la pena. 


Ormai avrete capito che la Landucci ama aggiungere ostacoli lungo la strada che devono percorrere i nostri protagonisti quindi perché non inserire una convivenza in pieno lockdown con persone che non vorremmo mai vedere? 

Ecco, sarà proprio qui che il motto "quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare" non poteva essere più significativo. 

Cristina si farà valere, dovrà combattere contro le sue ansie e paure, si vedrà messa alle strette con la sua fobia dei bambini e dovrà combattere contro il Mai una gioia e le sfighe che amano perseguitarla.



Come in "Mai una Gioia", anche qui la Landucci affronta temi delicati senza cadere mai nel banale:

Parla della gravidanza e del ruolo della donna nella società moderna;

Parla della difficoltà di essere genitore e di ciò che si è disposti a fare/sacrificare per il loro bene;

Ci racconta di quanto sia duro il cambiamento e di quanto sia fragile il cuore umano. 



Ormai la scrittura della Landucci è inconfondibile: fresco, frizzante, ironico, moderno, scorrevole e naturale. Le email e i messaggi donano quel qualcosa in più al romanzo. Sono piccoli dettagli che fanno la differenza.



Non posso che consigliarvi questo libro e, in generale, i libri della Landucci. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te