Passa ai contenuti principali

Recensione La Porta di Casa di Ilaria Fusignani

Buongiorno lettori,
oggi vi parlo di un libro che mi ha riscaldato il cuore.
Un viaggio introspettivo e magico che vi farà riflettere e vi farà innamorare della scrittura della Fusignani.



AUTRICE:
È nata nel 1992 a Bologna, ma ha sempre vissuto a Cervia. Ha frequentato il liceo scientifico di Cesena diplomandosi nel 2011. Iscritta alla facoltà di Architettura di Cesena, si è laureata alla magistrale nel 2018. Oggi lavora come architetto, conservando la passione per la lettura e per la scrittura.
Nel 2015 ha pubblicato Il mondo di Alice, Giovane Holden Edizioni.
Nel 2018 ha collaborato per la rivista Il morso dell’associazione culturale CrunchEd, pubblicando nell’edizione speciale, numero 1, luglio 2018 il racconto “Il destrorso mancato”.
Nel 2019 è stata finalista al concorso letterario Città di Ravenna con il racconto breve “La cicala sul letto”, e nello stesso anno al Premio Letterario Nazionale Bukowski con il romanzo nella versione inedita La porta di casa.


TRAMA:
Dopo molti anni e molti viaggi, un uomo si smarrisce lungo il cammino dimenticando il proprio nome. Egli diventa così, semplicemente, il Viandante. Immerso in una dimensione parallela, visionaria e a tratti surreale, è incitato a ritrovare la via di casa dall'apparizione di una misteriosa donna, che lo esorta anche e soprattutto alla ricerca di ciò che ha perduto nel corso della vita. Il Viandante inizia, così, un nuovo viaggio, costellato di scelte e di avventure, ognuna delle quali, si avvia con l'apertura e il superamento di una porta, dieci in totale, sempre diversa dalla precedente, capaci di condurlo attraverso il tempo e di alterare la forma fisica. Un cammino introspettivo e simbolico alla ricerca di se stessi.


RECENSIONE:
Avete presente quei libri che vi riscaldano il cuore e l'anima? Quei libri che, con poche pagine, riescono a farti riflettere?
Ebbene questo è l'effetto di "la porta di casa".

La storia è quella di un Viandante, un uomo che non ricorda più il suo nome, il suo cognome, la sua storia.
Un uomo smarrito.
Perdersi per ritrovarsi, è questo il fulcro del libro.

Grazie ad una misteriosa donna, il suo viaggio avrà inizio. 

10 porte. 10 storie. Passato, presente, paure, amore e poi, la luce in fondo al tunnel.

"il cuore di un essere umano è imperfetto, è sempre alla ricerca di qualcosa che non sa spiegare, e a volte, quando si sente così vuoto da non trovarlo, si abbandona ai sentimenti più vili, si abbandona alla rabbia e all'odio; ma ogni minuto passato ad odiare è un minuto sprecato"

Un libro che oltre a tenervi incollati alle pagine vi insegnerà che non è possibile arginare la tristezza o la malinconia; non si può scappare dall'amore, non si può chiudere a chiave il proprio cuore, diventare un lupo solitario, perchè quella disperazione ci rende esseri umani. Quel dolore serve a renderci quel che siamo.

"Quando sono solo mi ricordo di tutti i miei sbagli, mi ricordo il suo sorriso, mi ricordo le parole che ci eravamo detti. Ma poi d'improvviso,come uno sparo,mi ricordo che lei è volata via. E allora ho bisogno degli applausi, della musica, delle parole degli altri che annebbia il suo ricordo fino a farlo sprofondare"

Cadere per poi rialzarsi più forti di prima, affrontare i propri demoni, il proprio passato perchè alla fine di tutto, ti volterai e guarderai la Vita con un sorriso sulle labbra.
Ti ricorderai i momenti belli e quelli brutti e li ringrazierai perchè l'unica persona che sei destinato a diventare è la persona che decidi di essere.

Una storia alla riscoperta di se stessi dove ognuno di noi può rispecchiarsi. Una storia di redenzione, di amore, di pace. Un libro scorrevole, vibrante, intenso. Un libro che vi entrerà nel cuore e vi rimarrà per sempre. 

Ho adorato ogni singola parola. Mi sono rispecchiata in varie storie e, alla fine, mi sono ritrovata con le lacrime agli occhi. 
Non è solo il viaggio del Viandante, è anche il nostro.

Penso che tutti dovrebbero leggere questa storia. Non è rivolta ad un pubblico specifico. Giovani, Adolescenti, Adulti,Anziani. Chi ha perso un caro, chi ha voglia di vivere, chi di amare, chi ha commesso degli errori, chi non ha mai spedito quel messaggio. Insomma è un libro in cui tutti si possono rivedere.

Ringrazio di nuovo l'autrice e la Casa Editrice Giovane holden per avermi dato l'opportunità di leggere questo gioiello.








ATTENZIONE:
Cliccando sui link Amazon citato sopra (e facendo acquisti subito dopo) riceverò da Amazon  una piccola commissione in buoni che userò per comprare libri e altro materiale con cui porterò avanti il canale. Non ci sarà nessun costo aggiuntivo per voi.








Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te