Passa ai contenuti principali

Recensione Autunno

Buongiorno lettori.
Oggi recensione a cura di Tiziana.

Risultati immagini per autunno ali smith





Titolo: AUTUNNO
Autore: Ali Smith
Anno: 2018
Genere: Narrativa
Pagine: 226
Editore: Sur









AUTORE:
Ali Smith (Inverness, 1962) è autrice di cinque raccolte di racconti e sei romanzi, fra cui Hotel World e Voci fuori campo, usciti rispettivamente per Minimum Fax e Feltrinelli, ma di prossima ripubblicazione presso BIG SUR.
Due volte finalista al Booker Prize, è una delle voci più originali e influenti della letteratura britannica contemporanea. Inverno è già uscito nei paesi anglosassoni, ora lei è occupata con
la Primavera.

TRAMA:
Elisabeth, ricercatrice trentenne presso l'università di Londra, torna nella cittadina di provincia dove abita la madre per stare accanto a un vecchio vicino di casa, Daniel, centouno anni, che trascorre in uno stato di sonno profondo quelli che sono forse i suoi ultimi giorni di vita; malgrado la differenza di età i due sono stati a lungo legati da un'amicizia strettissima, che si è bruscamente interrotta anni prima e di cui Elisabeth, al capezzale di Daniel, cerca di riannodare i fili. Fuori da quella stanza c'è poi un paese traumatizzato dal voto sulla Brexit, percorso dalla paura e dall'intolleranza; ma anche una donna di mezza età, la madre di Elisabeth, che grazie a una comparsata in un reality show trova l'amore dove non avrebbe mai immaginato di cercarlo. Primo romanzo di una tetralogia ispirata alle quattro stagioni, Autunno è costruito come un caleidoscopio di aneddoti, visioni, ricordi che ci fanno entrare in maniera sempre più intensa nella vita dei suoi personaggi. Lucidissimo nel ritrarre una società in crisi, e al tempo stesso carico di compassione e di speranza, è una meditazione sull'incontro con il diverso e sul potere trasformativo della creatività umana; un romanzo dalla voce ricca di echi letterari ma anche capace di parlare in maniera diretta alla nostra inquieta contemporaneità.

RECENSIONE:
“Bisogna sempre leggere qualcosa, disse lui. Anche quando non stiamo fisicamente leggendo. Altrimenti come facciamo a leggere il mondo? Pensala come una costante. Una costante cosa?, disse Elisabeth. - Una costanza costante, disse Daniel” Autunno, primo romanzo di una tetralogia ispirata alle quattro stagioni, è stato definito «il primo romanzo post-Brexit», anche se il suo concepimento risale a venti anni fa quando Smith, che è stata nominata la migliore scrittrice inglese vivente, aveva avuto l’idea di scrivere un ciclo di libri sulle stagioni. Il risultato inatteso del referendum per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea è stata la miccia: Ali Smith si è messa a scrivere furiosamente, seguendo in diretta gli avvenimenti e facendo di Autunno un libro sperimentale e anche uno specchio della realtà. 
Sono qui che scrivo questa recensione, ma, sinceramente, non so ancora come esprimermi in merito: è un romanzo “difficile” da comprendere, spiegare e far sedimentare.
All’inizio del libro, mentre si scorrono le prime pagine, non si capisce cosa si stia leggendo, quale sia l’argomento e chi siano i protagonisti; poi, piano piano, la nebbia si dirada e si riesce ad intravedere la trama. Ma è una trama contorta, fatta di flashback, di prosa mista a poesia e di continui giochi di parole e rimandi: da un lato c’è una società britannica contemporanea allo sbando dopo la novità dell’uscita dall’Unione europea; dall’altra c’è la storia della profonda amicizia tra Elisabeth e Daniel e la loro passione in comune per l’arte, la letteratura ed i viaggi. Non è di certo un libro di facile impatto: l’ho trovato spiazzante. L’Autunno, a cui si riferisce il titolo, è l’autunno della vita – quella di Daniel – e l’autunno della società contemporanea in genere che, ormai, non riesce più ad avere speranze ed a vedere un futuro roseo: una storia autunnale e nostalgica.

Per concludere, se mi si chiede se questo romanzo mi sia piaciuto o meno, ecco, non so cosa rispondere. Di certo non è un romanzo qualunque. In ogni caso, lo consiglio anche solo per la sua originalità ed il suo essere diverso da tutti gli altri libri mai letti.

“Ottobre è un batter d’occhio. Le mele che appesantivano l’albero solo un istante fa già non ci sono più e le foglie degli alberi sono gialle e sempre più rade. Una gelata ha illuminato di colpo tutti gli alberi. Quelli che non sono sempreverdi sono allo stesso tempo bellissimi e pacchiani, rosse arancio e oro le foglie, poi marroni, poi giù per terra”.

Risultati immagini per scritta tiziana


ATTENZIONE:
Cliccando sui link Amazon citato sopra (e facendo acquisti subito dopo) riceverò da Amazon una piccola commissione in buoni che userò per comprare libri e altro materiale con cui porterò avanti il canale. Non ci sarà nessun costo aggiuntivo per voi e mi aiutereste un sacco usandoli!

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te