Passa ai contenuti principali

Recensione Il Ballo Di Irene Nemirovsky

Cari lettori,
vi vorrei presentare un libro che mi ha tenuto compagnia quando sono stata male pochi giorni fa...è una lettura molto leggere infatti, nonostante la febbre, l'ho letto nel giro di due ore.






AUTRICE:
Nata a Kiev nel 1903 da una famiglia di ricchi banchieri di origini ebraiche, visse a Parigi dove, appena diciottenne, cominciò a scrivere. Nel luglio del 1942 fu arrestata e deportata ad Auschwitz, dove ad agosto, a trentanove anni morì, lasciando incompiuto il suo ultimo capolavoro, Suite francese. 

TRAMA:
I Kampf neo ricchi, arroganti e altezzosi, per confermare la loro improvvisa e splendente ascesa, decidono di organizzare una festa da ballo alla quale invitano tutte le persone "che contano". Antoinette, la quattordicenne figlia dei Kampf, delusa e arrabbiata per la crudele decisione della madre di escluderla dall'"evento" e lasciarla a dormire persino nello ripostiglio mette in atto in maniera istintiva e spietata una vendetta: una sera, tornando dalle sue solite lezioni di pianoforte, dopo aver consegnato un invito solamente alla sua insegnante - l'unica che di fatti si presenterà- decide di non spedire gli altri, anzi, li getta nella Senna! La sera della festa i Kampf attendono inutilmente l'arrivo degli ospiti e poiché non hanno nessuna esperienza della vita sociale, non riescono a spiegarsi questa strana rinuncia da parte di tutti invitati. 

RECENSIONE:
Premetto che questo libro non mi è piaciuto per niente...
la storia sembra quasi banale e breve, priva di significato, che mette al centro della storia la vendetta di una figlia mai presa in considerazione, mai amata, mai rispettata. 
Come si vendica? Invece di portare alla posta gli inviti del ballo che stava organizzando la madre, li getterà nella Senna in un attimo di follia, di vita...

Ho apprezzato questa storia sotto due punti di vista:
il primo è stato che Irene è stata brava a banalizzare la trama per farci capire in realtà come si viveva in quel periodo... L'unica cosa che importava realmente era l'ascesa sociale,alla bramosia di lusso e di potere, dove sentimenti e emozioni vengono alienate essendoci soltanto spazio per l'egoismo, rendendoli dei mostri privi di emozioni.... è quello che vedremmo tra Antoinette e sua madre... La prima è smaniosa di successo e di consacrare la sua nuova condizione economica: dopo tanti anni di miseria e sacrifici, Rosine può finalmente entrare a fare parte di quel mondo che ha sempre desiderato, spera di riuscire a organizzare un ballo perfetto per essere riconosciuta dalla società quale nobildonna, assicurandosi che la figlia non riveli le loro umili origini...Insomma in questo racconto non c'è spazio per l'etica, la morale e sopratutto l'amore, bensi solo all'egoismo e all'eccentricità.

La seconda cosa che ho apprezzato è la rappresentazione dei personaggi...Rosine e il marito sono persone statiche, abituarie e bramose di potere... vengono risucchiati dal loro ego, diventando così dei mostri senza cuore.... Invece Antoinette sembra essere l'unico personaggio a provare emozioni, ad essere viva...

Quindi, per concludere, consiglio il libro a chi non vuole leggere un racconto pesante e sopratutto a chi ama la vita di corte =)

VOTI:
TRAMA:3/5
SCRITTURA:3/5
PERSONAGGI:2/5
COPERTINA:1/5

Commenti

  1. Ho letto anch'io questo romanzo in pochissime ore e se dapprima lo avessi percepito vuoto, a ben pensare l'ho apprezzato per i tuoi stessi punti, tesoro ❤️ mi piace molto la mia omonima❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie tesoro, sono contenta che sei d'accordo con me <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso