Recensione Diphylleia di Valentina Bonci

Buonasera lettori,
finalmente vi presento un libro bellissimo, fuori dagli schemi, a dir poco stupefacente.
Vi ho già fatto una segnalazione del libro però, vi lascio di nuovo la sinossi.



TRAMA:

"Chi era Aiyana? Chi era stata? Vuoto, soltanto vuoto nella sua mente. Un'aridissima distesa di niente era ormai il suo cuore, un mare di assenza la sua memoria. Eppure aveva qualcosa, ancorato all'anima, che non voleva morire, che non voleva precipitare nell'oblio. Qualcosa. Qualcuno. Doveva trovarla, doveva seguire quel richiamo, attenuare quell'incessante voglia d'amore. Doveva saziare il suo animo,riappacificare il suo cuore, doveva incontrarla, doveva chiederle chi fosse davvero"

Un libro che promette emozioni, scintille, batticuore, tutto. Parole che scavano nelle viscere dell'animo umano, parole che vogliono essere ascoltare.
Uno di quei libri che ci tiene svegli la notte, che sfiora le corde del cuore, toccante e struggente dalla prima all'ultima pagina.
La protagonista è Aiyana, la cui vita è andata in pezzi, non ricorda più niente. Eppure qualcosa la spinge a partire, a cercare, a sperare. Un nome, questa la sua ancora di salvezza. Un nome che sente pronunciare e a cui non sa resistere. Un nome che sente echeggiare nella sua mente, intrufolarsi nel suo cuore.
L'amore è come l'aria e se ne va in giro e avvolge chi gli pare, senza preoccuparsi delle conseguenze.
Come l'aria, ti manca e la desideri.
Allo stesso modo l'amore, senza preavviso se ne va o si nasconde e ti lascia a lottare per ritrovarlo.
E la vita, beh, sa come mettersi di traverso.
Aiyana ha spezzato i fili dei suoi ricordi, non ricorda più nulla, e forse è meglio così.
Potrebbe ricominciare davvero, tutto da capo.
È una storia misteriosa, di crescita, di ricerca del proprio passato. Ma è anche una storia di dolore, negazione, non accettazione.
Una storia dove il passato è un ombra e il futuro una speranza apparentemente impossibile.
Eppure è per le speranze impossibile che si lotta più strenuamente.
Una storia difficile da spiegare, che dovete scoprire voi stessi e che certamente, saprà come stupirvi. Una storia in cui sarete voi a decidere il finale.

RECENSIONE:
La storia si apre con un incidente, inizialmente pensai che fosse un incubo invece mi sbagliavo. 
Aiyana si risveglia in un ospedale dopo esser stata in coma per ben tre mesi...Non riconosce nè se stessa nè la sua adorata nonna Karla... Le sue uniche certezze sono due rose rosse con affianco un lettera firmata S , un tatuaggio che ha sul polso con la scritta MAHPYA e, un infermiere di nome Ben.

Ben si innamora giorno dopo giorno della bellissima ragazza dai capelli di cenere e, finalmente quando Aiyana si sveglia, lui trova l'occasione di dichiararsi. Qualcosa andrà storto. Aiyana sente fin dall'inizio una strana sensazione in fondo al cuore, come un richiamo primordiale al suo vero amore. L'unico indizio è un nome Sally.

Da qui inizia la ricerca per ricostruire il suo passato e, costruire il suo futuro. Ci saranno scoperte piacevoli, tragedie e, verità difficili da sopportare.

A questo punto vi parlo della finale, ho amato tantissimo il fatto che Valentina abbia inserito due finali differenti i quali sono costruiti in base ai sentimenti della protagonista.
Infatti possiamo vedere l'appassire della Diphylleia se si segue la strada dell'odio e del risentimento, mentre se si procede verso la strada del perdono e del coraggio, potremmo notare la metamorfosi della Diphylleia in un fiore incantato (poichè quando piove i petali si trasformano in piccoli cristalli preziosi).

Oltre al fatto che ho adorato il titolo. l'altra cosa che ho amato è il fatto che i protagonisti non siano sempre la ragazza dal fisico da urlo e il tenebroso principe azzurro. Qui c'è l'amore tra due donne, l'amore vero che va oltre i pregiudizi. le mentalità ristrette e alle barriere sociali! Stiamo parlando dell'amore a 360°.
 
L'altra cosa che ho apprezzato molto in questo romanzo è la cura del dettaglio, dalla copertina fino alla grammatica e, ovviamente ho amato che il suo primo ricordo viene a galla quando vede Philippe, il suo gatto!😸

Consiglio questa lettura a tutti, dai più grandi ai più piccoli, proprio perchè è una storia pura, onesta e, insegna a tutti ad avere il coraggio ad amare ed ad amarsi!

VOTI
COPERTINA:5/5
PERSONAGGI:5/5 (anche se per un attimo ho pensato che Ben fosse uno psicopatico)
TRAMA: 10/5 (LO ADOROOO)
SCRITTURA:5/5 

5 commenti:

  1. Decisamente interessante e da leggere subito! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si! è una lettura veramente molto bella =)

      Elimina
  2. Adoro questo genere di libri introspettivi e psicologici!😄

    RispondiElimina
  3. Ho letto il libro poco tempo fa, e devo proprio ammettere che lascia il segno!
    Ho avuto il piacere di conoscere l'autore, una persona fantastica, con moltissime qualità ma soprattutto che tiene veramente ai suoi lettori e tende ad instaurarci un bel rapporto.
    La cosa che più ho apprezzato di Diphylleia è la tranquillità con cui viene affrontato il tema dell'omosessualità. Purtroppo, in una società come quella di oggi, la parola "omosessuale" viene troppo facilmente associata a "diverso", e la tranquillità con cui viene affrontato il tema ci ricorda quanto l'omosessualità sia una cosa NORMALE, come è giusto che sia!
    Non mi dilungo oltre per non rischiare di fare alcuno spoiler, mi limito a consigliarvi vivamente il libro, può trasmettere forti emozioni ed insegnare tanto.
    Potete trovare una recensione del sito anche sul nostro libro.
    http://www.betweenpages.it/diphylleia-il-ricordo-valentina-bonci/

    RispondiElimina

Powered by Blogger.