Passa ai contenuti principali

Recensione sulle tracce di Jack lo Squartatore di Kerri Maniscalco

 

Buongiorno lettori,

oggi vi parlo di uno dei libri più attesi del 2020. Sto parlando della serie della Maniscalco. 

Oggi vi parlerò del primo volume, "sulle tracce  di Jack lo Squartatore", però, presto troverete sul blog una recensione dedicata ad ogni singolo libro.

Sulle tracce di Jack Lo Squartatore - Kerri Maniscalco | Oscar Mondadori

AMAZON:https://amzn.to/3h0pNDJ

AUTRICE:    

Kerri Maniscalco è cresciuta in una casa semistregata nei dintorni di New York, dove è iniziata la sua passione per le atmosfere gotiche. Nel tempo libero legge tutto ciò che le capita a tiro, cucina ogni sorta di cibo con amici e familiari, e beve davvero troppo tè mentre discute delle sottigliezze della vita con i suoi gatti. I romanzi con protagonista Audrey Rose Wadsworth (Sulle tracce di Jack lo Squartatore, Alla ricerca del Principe Dracula, In fuga da Houdini e A caccia del Diavolo), tutti bestseller nella classifica del "New York Times", uniscono il suo amore per la scienza forense all'interesse per i misteri irrisolti della storia. Fonte


RECENSIONE:

Sulle tracce di Jack lo Squartatore è un libro che mi ha sempre affascinato ma non ho mai avuto il coraggio di iniziarlo per paura che non potesse piacermi perché non è un genere che amo particolarmente. 

Beh, mi sbagliavo.

Ho divorato il libro in un giorno. 


Il libro è ambientato nella Londra Vittoriana. Chi mi conosce sa quanto io ami questa epoca.

La Maniscalco non ha approfondito molto il worldbuilding ma è abbastanza intuibile grazie anche al linguaggio coerente con quel periodo.


La protagonista del nostro romanzo è Audrey Rose Wadsworth, una diciassettenne appassionata della medicina forense.  Uno scandolo per quell'epoca, ma a lei non importa. È una ragazza Intelligente, bella , anticonvenzionale e curiosa. Come dicevo poco fa, nell'età vittoriana il ruolo delle donne era quello di procreare e occuparsi della casa. Non potevano esercitare una professione, a meno che non fosse quella di insegnante o di domestica, né era loro riconosciuto il diritto di avere propri conti correnti o libretti di risparmio; di fatti, quando si sposavano i beni della donna andavano tutti al marito. Erano denominate generali della famiglia poiché tra i loro compiti c'era quello di organizzare la servitù e far apparire il marito e la famiglia rispettabili, attraverso pranzi, tè o cene, per favorire rapporti economicamente importanti. Inoltre dovevano essere delle buone madri piene di compassione e amore.

Diciamo che Audrey non rientra in questa categoria....è una ragazza non convenzionale, non ama star seduta a bere tè e spettegolare....Anche se una parte di me avrebbe amato leggere di una donna che è affascinata dalla morte e non rinuncia ai lussi quotidiani.

Audrey vuole che le donne non vengano ritenute delle creature deboli, senza una propria intelligenza e un proprio pensiero. Pagina dopo pagina, ci dimostra che gran donna sia: coraggiosa, fuori dalle righe, orgogliosa. Tutto questo grazie anche a suo zio che la istruisce allo studio del corpo umano e delle autopsie.


«Le rose hanno petali e spine, mio scuro fiorellino. Non bisogna credere che qualcosa sia debole solo perché appare delicato. Mostra al mondo il tuo coraggio».


Poi c'è lui: Thomas Cresswell. Un ragazzo alto,biondo, intelligente, impertinente, irritante e scortese. Ha un intelligenza arguta ed è molto attento ai dettagli. Per questo è il perfetto Holmes per la nostra Watson.All'inizio non mi entusiasmava, ma che ho imparato ad amare man mano che  ilromanzo andava avanti . È  completamente antipatico e schietto, divertente e accattivante allo stesso tempo. È sicuramente uno di quei personaggi che vuoi non apprezzare ma non puoi fare a meno di amare .

All'inizio ho pensato che tra i due non potesse funzionare, che fosse un semplice flirt però poi le cose son diventate interessanti 


Devi sapere cosa significhi per me? Sicuramente devi sapere cosa provo per te, Audrey Rose. Il pensiero di perderti ...


I personaggi secondari sono tutti descritti in maniera egregia.


Si dice che la curiosità uccise il gatto ma la soddisfazione lo riportò in vita.

Chi è l'artefice degli omicidi delle prostitute Londinesi? 


La Maniscalco è stata bravissima a depistarmi. Sospettavo fin da subito di due persone e, solo alla fine, ho capito chi fosse realmente Jack. 

Ci sono rimasta male? Onestamente no. 

La Maniscalco non mi ha annoiato mai, mi ha incuriosita ed intrattenuta con il suo stile di scrittura scorrevole, magnetico,dettagliato e mai banale. È riuscita a mischiare grandi figure della storia criminale, dandogli una nuova rivisitazione e gettandoli in una storia ricca di colpi di scena. 


Una menzione speciale alla cura dei dettagli della casa editrice. All'interno del libro troviamo inserzioni con foto e rappresentazioni vittoriane molto veritiere e quasi crude,  poi, ciliegina sulla torta, le copertine sono identiche a quelle originali e alla fine troviamo dei capitoli d'approfondimento dal punto di vista di Thomas. 


Un thriller giallo tinto di toni di orrore che sconvolge senza essere scomodamente cruento o spaventoso. Consigliato agli amanti del mistery, delle investigazioni d'altri tempi, agli amanti del giallo e a coloro che vogliono immergersi in una storia che vi sorprenderà.  


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso