Passa ai contenuti principali

Recensione Le avventure dei fiori

 Buongiorno readers! Come state? Oggi voglio parlarvi del libro "Le avventure dei fiori" di Andrea Ventura, un libro decisamente particolare e che mi ha tenuto compagnia per mesi.


Il papavero seppe che qualcosa nell’aiuola stava per cambiare, ma non sapeva se fosse pronto a reggere l’urto.

Trama: “Le avventure dei fiori” sono una raccolta di sketch comici, rivolti a chi cerca il proprio pollice verde ma non ha mai fatto caso al Giglio, o al Papavero, o al Gladiolo, in un insieme confuso di profumi. Agostorgio, bianco e spigoloso, è quindi il giglio protagonista di una serie di episodi tutti ambientati in un'aiuola che diventeranno col procedere delle pagine sempre più bizzarri e sconclusionati, e come se non bastasse mi servirò di un cruciverba, con tanto di definizioni e griglie pazze: avremo un sacco di personaggi sui generis come la Gerbera, la quale nasconde molti segreti; la Violetta e la sua voglia di cantare; l'olandese Tulipano e la sua insana, ardente passione per i formaggi ma anche un bellissimo fiore nero, la partecipazione straordinaria di uno stagno con tanto di papere e tartarughe e non mancheranno numerosissimi easter egg, uno fra tutti la partecipazione dei fiori alle Olimpiadi! Cinquantadue episodi, dunque, che sono rivolti a tutti coloro i quali cercano un momento di svago, un sorriso dietro una giornata no, un modo per ingannare il tempo mentre si aspetta dal dottore, alla posta, in banca o al supermercato; un modo per rispondere con la forza della risata a tutte le brutture del mondo, che, come direbbe il Ciclamino... che poi, a ripensarci, cosa direbbe il Ciclamino?

“Meglio un annaffiatoio oggi che un fazzoletto pieno di muco fra un mese”

Recensione: Ok, parlare di questo libro è più difficile di quel che credevo. Perché? In queste pagine sono raccolte le avventure del giglio Agostorgio e dei fiori che vivono con lui nella stessa aiuola. Un giorno, proprio accanto ad Agostorgio, cade una rivista di parole crociate dando il via a una serie di folli, incredibili e a tratti demenziali situazioni. Sì, perché il giglio entra in una vera e propria fissazione per le parole crociate, torturando e snervando tutti i suoi vicini.
La cosa assurda è che, giuro non so come, Andrea riesce a caratterizzare ogni fiore, rendendolo riconoscibile anche senza specificare chi sia. Non solo Agostorgio, ma anche il papavero accanto a lui, il bellissimo fiore nero, le violette... tutti con caratteri precisi e coerenti per tutto il libro.
E di cosa parla? Parla di api, alieni, delle papere nello stagno accanto, e di tutte le definizioni del cruciverba che, una volta risolte da Agostorgio, si materializzano portando il caos nell'aiuola.

Tutto in questo libro, dai dialoghi alle dinamiche, e folle e comico. Di quel tipo di comicità che rasenta l'assurdo, che è talmente fuori dai canoni che solo se se fuori allo stesso modo riesci a capire. 
Ovviamente, io sono fuori di testa in quel modo lì e ho passato giorni e giorni a ridere guardando questi fiori vivere situazioni surreali e saperle pure gestire.

Il mio preferito del libro? Il fiore nero.

“Ma che ne sai, tu” lo contraddisse il bellissimo fiore nero. “Tu devi amarmi e basta”

È un libro per tutti? No. 
Per apprezzarlo devi essere una di quelle persone che ride per le battute più assurde, che si scompiscia per il non sense.
Però, se rientri nel genere, allora non puoi perderti Le avventure dei fiori, perché Andrea Ventura riesce davvero a regalarti quelle risate sane, spensierate che fanno bene all'umore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso