Passa ai contenuti principali

Recensione forse un giorno di Roberta Longo e Camilla Conti

Buongiorno lettori. 
Oggi vi parlo di un romance assolutamente straordinario.
Ormai siamo abituati a protagonisti maschili belli e dannati che si innamorano della ragazza acqua e sapone della porta accanto. Molte volte in questi romance si vive un amore malato.
In "Forse un giorno" vivremo una storia d'amore reale con veri problemi, vere situazioni. Una storia che può succedere ad ognuna di noi.









Autrici: Camilla Conti e Roberta Longo
Genere: romance/new adult
Pagine: 170
Editore: auto pubblicato
Uscita cartaceo Amazon:10 Maggio
Uscita digitale Amazon:17 Maggio
0,99€ eBook 
4,99€ cartaceo
Copertina: flessibile 















TRAMA:
E se incontrassi il grande Amore, ma lui abitasse a chilometri da te? Lo lasceresti andare o lotteresti per tenerlo con te? 
Sveva Angelini lotta da anni con questi dubbi da quando, durante una vacanza che doveva essere spensierata, ha incrociato lo sguardo di Alex. Non sono bastati la distanza, il tempo e una collezione di relazioni sbagliate a cancellare quegli occhi. Sveva vuole ancora Alex, tanto che la sua mancanza le toglie il fiato. 
Alex, dal canto suo, continua a saltare da un flirt all’altro, senza mai rivelarsi davvero o aprirsi. Il suo cuore l’ha chiuso a chiave e lo ha lasciato nella mani di Sveva. A Roma. 
Ma il tempo sembra sempre sbagliato, mai maturo abbastanza per loro. Tra amicizie che salvano la vita, relazioni che mancano sempre di qualcosa e un amore totalizzante, Sveva e Alex cercano un modo per potersi amare o, se proprio la vita non tifa per loro, almeno andare avanti con meno ferite sul cuore possibili. 
Un romanzo dolce, appassionato, con un pizzico di umorismo e tanta tanta voglia di credere ancora nel grande Amore. 

RECENSIONE:
Tutto parte da un viaggio in Grecia. 
Un viaggio tra amiche, una vacanza dopo gli esami universitari.
L'atmosfera è proprio quello dell'estate: spiaggia, mare, amiche, musica, divertimento e...una cotta estiva.

"ed eccolo lì, accendino già in mano: il ragazzo più bello che Sveva avesse mai visto.Occhi dello stesso colore del ghiaccio, tatuaggi che gli ricoprivano le braccia muscolose e un sorriso così dolce e aperto che le scaldò il cuore"

Alex,Sveva
Sveva,Alex

Un colpo di fulmine, una storia che doveva iniziare e finire in Grecia ma, si sa, il Destino è scritto nelle stelle.
Riuscirà un avventura estiva a sopravvivere alle intemperie della vita? Sopratutto alla distanza?

Alex abita a Pavia, Sveva a Roma.

Inizia così la storia d'amore tra i due: una rincorsa su una ripida salita, fatta di momenti di tensione,incomprensione, paure alternato a momenti piccanti, romantici, passionali.
E,poi, Alex e Sveva sono entrambi Potteriani!
Appena ho letto che entrambi amavano Harry Potter, ho deciso che li avrei amati incondizionatamente nonostante tutto.

"Dobby il fatto è che non manchi a me...manchi proprio...come se il mondo non potesse girare senza te"

Il cuore è andato...sciolto....

Ma non è solo per questo che amo Sveva e Alex.
La caratterizzazione dei personaggi è talmente veritiera che sembrano realistici e non frutto di immaginazione, proprio come la storia.
Lei è una ragazza riflessiva e riservata, lui è affascinante ma inaffidabile.

Nonostante i 500 chilometri che li separa, i loro cuori sono uniti da un filo invisibile.
Come dice il famoso proverbio?
"Lontano dagli occhi, lontano dal cuore"?
Beh, tra i due non funziona.
Nonostante le relazioni che intraprendono con altre persone, tra i due ci sarà sempre una complicità da far togliere il fiato.

Un giorno, però, tutto cambia...
Sveva è una donna in carriera, gli anni di tira e molla con Alex le vanno stretti. Vuole stabilità,certezze e, le troverà.

"Era questo che riusciva ad emozionarla: non tanto le belle parole che negli anni i vari ragazzi passeggeri le avevano detto, ma la costante presenza di Andrea. Su di lui poteva contare,era un ancora che le permetteva di navigare nella sua vita senza confini,ma che le dava sempre sicurezza consolante di un porto sicuro in cui attraccare"

Ebbene si, sia Alex che Sveva hanno trovato delle persone a cui voler bene. Ma basterà questo a spezzare il loro legame, il loro amore?

Un libro veramente bellissimo. Un libro scritto a quattro mani che, all'inizio risulta separata, però,poi, troverà l'equilibrio fino a diventare un intreccio perfetto.
Questo libro non parla solo di Alex e Sveva, parla di amicizia, quotidianità, legami,paure, incertezze...
è un libro che parla di Amore, quello vero. Quello che ti fa sorridere come un ebete quando incontri la tua metà, quello che ti fa dubitare, che crea angoscia e paura di perdere la felicità. Quello che ti fa scoppiare il cuore...l'Amore, quello che ormai non viene più raccontato. l'Amore, quello per cui bisogna lottare con le unghie e con i denti, ma che ti darà conforto e sicurezza per tutta la vita.

Veramente, complimenti a queste due fantastiche donne perchè sono state in grado di raccontare la verità, un amore sofferto, la quotidianità e, in tutto questo, hanno anche descritto l'amicizia e la complicità tra donne.

Consigliato veramente a tutti. A coloro che cercano risposte, a coloro che vogliono la veridicità in una storia, consigliato a coloro che sanno amare e che credono nell'amicizia. Consigliato a coloro che stanno vivendo una relazione a distanza e a coloro che sanno che varrà sempre la pena lottare per l'amore.

VOTI:
COPERTINA:5/5
TRAMA:5/5
PERSONAGGI:5/5









Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso