Passa ai contenuti principali

Recensione Blood and Honey di Shelby Mahurin

 Buongiorno lettori,

oggi vi parlo di un seguito super atteso dai lettori italiani: Blood and Honey di Shelby Mahurin, secondo volume della trilogia della strega e del cacciatore, iniziato con Serpent and Dove.

AMAZON:https://amzn.to/2Obxcrn

TRAMA:

Lou e Reid sono in fuga da tutti. Dalla congrega, dalla Chiesa e dal re. Per sopravvivere hanno bisogno di alleati. Alleati potenti. Ma il loro aiuto ha un prezzo. Cosa dovranno sacrificare per pagarlo?

Sfuggiti per un soffio al pugnale di Morgane, Lou e Reid sono di nuovo insieme… ma le streghe della congrega, gli uomini del re e gli chasseur continuano a dar loro la caccia. Non c’è più tempo, ormai, e il cerchio si stringe inesorabile… Erano certi che insieme avrebbero superato ogni cosa. Ma quando Morgane li attira in un crudele gioco del gatto col topo, i due giovani sono costretti a chiedere aiuto a La Voisin, regina delle Dames Rouges e nemica giurata della congrega di Lou. Mentre Lou, convinta di non avere alternative se vuole salvare suo marito e i loro amici, percorre i sentieri più oscuri della magia, Reid, benché riluttante, deve esplorare i suoi nuovi poteri. Hanno giurato di essere una cosa sola fino alla fine dei loro giorni…



RECENSIONE:
Blood and Honey purtroppo ha un difetto: soffre della sindrome del libro di mezzo.
Per molti può dar fastidio perchè c'è poco romance e poca azione (se non alla fine), ad altri potrebbe piacere perchè è un libro di transizione dove troviamo molto background sui personaggi secondari e molta più storia sulle origini della magia.

"Hai vissuto senza magia per anni".
"Quello non era vivere.Era sopravvivere. E poi, senza...tutto questo" aveva detto indicando intorno a noi, "chi sarei?".

Personalmente mi è piaciuto molto. Ho divorato il libro in pochissimo... la Mahurin ha una scrittura che ti intrappola nella storia, ha uno stile molto scorrevole e riesce ad alternare scene con ritmi lenti ad altri appassionanti ed adrenalinici.

Parlarvi di questo libro senza fare spoiler è impossibile.
Lou e Reid sono costretti a scappare dopo aver ucciso l'arcivescovo e dalla terribile Morgane, madre di Lou, nonchè somma strega delle Dames Blanches. Insieme ad Ansel, Coco, Beau e Madame Labelle andranno alla ricerca di alleati per sconfiggere Morgane.

La strada però è piena di ostacoli: Reid deve combattere contro se stesso. Da una parte deve comprendere e imparare a gestire la sua magia, dall'altra si ripugna perchè ha combattuto contro le streghe e la stregoneria per anni e sta diventando proprio ciò che gli hanno insegnato a disprezzare.

"Vedi la magia come un arma, Reid, ma ti sbagli. La magia, semplicemente...è. Se desideri usarla per il male, allora farà male, ma se vuoi usarla per salvare...salva." 

Dall'altra parte c'è Lou, la bella e sfrontata ragazza che ha conquistato il cuore di un cacciatore di streghe. Lou è una donna forte, coraggiosa e disposta a sacrificare tutto ciò in cui crede per salvare le persone che ama, anche se questo significa scendere negli abissi dell'oscurità e perdere un pezzo della sua anima. 

"Ti amo. Nulla potrà mai cambiare questa realtà".

Come accennavo prima questo volume è un libro "di mezzo" , "di passaggio". Secondo me , invece, è perfettamente equilibrato: segreti, momenti di quotidianità, giochi di potere e pericoli. 
Sicuramente è più sottotono rispetto al primo volume però, credo, sia dovuto a due motivi: la prima è che questo doveva essere una duologia e non una trilogia; la seconda è che l'autrice ha deciso di donare un tocco dark alla trama.
Possiamo notare molte scene che possono destabilizzare il lettore. Però, dall'altra parte, la presenza di nuovi personaggi e nuove situazioni, dà al libro una stabilità.

Parliamo dei personaggi secondari. 
L'introduzione di Claud e i suoi artisti è stato un punto a favore in questo libro. Sono dei personaggi eccentrici che aiuteranno Lou e Reid a trovare la loro strada. Avrei preferito che alcune scene, sopratutto quelle finali, fossero state sviluppate meglio però, nel complesso, mi è piaciuto. 
Serpent and Dove rimane sicuramente il libro più forte della serie. So che l'autrice sta revisionando spesso l'ultimo volume della serie, Gods and Monsters, quindi terrò le mie aspettative alte.

"Che cosa siete, Claud?"
"e tu cosa sei, Louise?"
"Un serpente" risposo, e il respiro mi si bloccò in gola. "Suppongo di essere... un serpente. Una bugiarda. Un'ingannatrice. Condannata a strisciare sulla pancia e mangiare la polvere ogni giorno della mia vita."
[...]
"Quello che sei ora non è quello che sei sempre stata, né quello che sarai sempre. Tu sei un serpente. Cambia pelle, se quella che hai non va più bene. Trasformati in qualcosa di diverso. Qualcosa di meglio." 

Concludo ringraziando di cuore la casa editrice per avermi donato una copia cartacea per questa recensione onesta e per aver deciso di portare in Italia questa trilogia.

Non posso che consigliarvelo con tutto il cuore (anche solo per le cover pazzesche).






Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso