Passa ai contenuti principali

Recensione Loki-il giovane Dio dell'inganno di Mackenzi Lee

Buongiorno lettori,
oggi vi parlo di un libro straordinario.
Un libro perfetto per gli amanti della Marvel, della mitologia Norrenna e per chi vuole leggere un libro fresco e scorrevole.
Ringrazio la Oscar per avermi fornito la copia e alle ragazze del Book Squad per avermi coinvolta in questo magnifico Blog Tour.

libri fantasy - Marvel  - Oscar Fantastica Mondadori - 2020

TRAMA:
Non è ancora giunto il momento di misurarsi con gli Avengers: per ora il giovane Loki è impegnato al massimo delle sue forze per dimostrarsi eroico, mentre tutti intorno a lui lo ritengono inadeguato. Tutti tranne Amora, l'apprendista maga, che sente Loki come uno spirito affine e riesce a vedere la sua parte migliore. È l'unica che apprezzi la magia e la conoscenza. Un giorno però Loki e Amora causano la distruzione di uno degli oggetti magici più potenti conservati ad Asgard e lei viene esiliata su un pianeta dove i suoi poteri svaniscono. Privato dell'unica persona che abbia visto la sua magia come un dono piuttosto che una minaccia, Loki scivola sempre più nell'ombra di suo fratello Thor. Ma quando tracce di magia vengono ritrovate sulla Terra e messe in relazione con alcuni omicidi, Odino manderà proprio Loki a scoprire cos'è successo. Mentre si infiltra nella Londra del diciannovesimo secolo, la città di Jack lo Squartatore, Loki intraprenderà una ricerca che va oltre la caccia a un assassino. E finirà per scoprire la fonte del proprio potere e quale sarà il suo destino.

RECENSIONE:
Scrivere un libro su un antieroe non è facile. Un personaggio come Loki, amato da tutti nonostante il suo indole oscuro, è una sfida. Scrivere di un giovane Loki che vuole essere un eroe è impossibile. Invece la Lee ci è riuscita. 
Non sapevo cosa aspettarmi da questo libro, ero ansiosa di leggerlo perchè sono una grande fan della Marvel ma avevo paura che questa lettura potesse annoiarmi o cadere nel banale. Mi sbagliavo.
Vedere il mondo con gli occhi del Dio dell'inganno è stato come ricevere una boccata d'aria fresca dopo esser stati troppo tempo sotto l'acqua.

Lee ripercorre le scelte discutibili di Loki nel suo tentativo di conquistare il padre Odino e di esser visto come un vero contendente per il trono asgardiano.
Ma quando qualcuno ha dei pregiudizi su di te è difficile fargli cambiare idea.
Odino vedrà sempre Loki come una minaccia, un parassita, un figlio non degno del trono di Asgard. Tutto ciò viene ampliato quando, durante le feste di Gullveig, Odino sbircia nello Specchio del decennio e vedrà qualcosa di orribile, una visione che lo turberà....

Da questo momento in poi accadranno delle serie di eventi che porterà alla distruzione dell'Occhio degli Dei e al bandimento dell'unica alleato di Loki: Amora.
Amora è l'apprendista strega di Karnilla, maga di Odino... è una strega molto potente, colei che insegnerà a Loki a padroneggiare le basi della magia..Insieme erano due spiriti liberi e ribelli...

"Mio padre non vuole che io studi magia"
"Perchè ha paura di te" [...]
"Non ha paura di me, vuole che io sia un aspirante al trono al meglio delle mie possibilità, per questo mi fa allenare con i soldati" [...]
"è come tenere una nave da guerra in acque basse"

Vedete, Amora era molto brava con le parole, era una maestra a persuadere Loki e a fargli fare cose che non voleva o non sapeva di volere. Loki, dal canto suo, era attratto da lei come una falena dalla luce. Le voleva bene e quando il padre la bandisce a Midgar dove non c'è la magia, nessun potere da evocare, niente a cui la sua forza vitale fosse legata, si sente morire dentro.
Avviene un cambiamento...Loki diventerà più calmo, più freddo, un osservatore che verrà giudicato come evasivo. 

Dopo una serie di omicidi indotti magicamente affligge Londra, Loki verrà mandato su Midgar ad assicurarsi che gli umani continuino a rimanere all'oscurità di altri mondi e che l'assassino non sia un abitante di uno dei Nove Mondi.

La prima cosa che mi ha sorpreso del libro è stata come Mackenzi Lee fonde perfettamente la parte asgardiana del libro con il tipico mistero-omicidio storico YA che si svolge sulla Terra. Vedere Londra attraverso gli occhi asgardiani fa sembrare che la Terra occupa un puntino nel cosmo, e lo ha anche reso vivo. Lee fa un lavoro fantastico nel descrivere la città da un punto di vista completamente nuovo, in particolare quando traccia i confronti tra i due luoghi. Lo fa sentire vibrante e vivace nonostante la sporcizia e la relativa morbilità che è prevalente in tutta la storia. Asgard, d'altra parte, è incontaminato e quasi pigro in confronto. È luminoso e idilliaco, ma quasi freddo.

Una volta sulla Terra, i personaggi umani nel libro sfidano la sua percezione del mondo e la sua posizione in un modo che gli ha fatto rivalutare tutto ciò che gli è stato insegnato.Cresce più compassionevole dei personaggi che lo circondano,fa amicizia con i membri della SHARP Society e, riesce a trovare in uno di loro, un se stesso che non vuole mostrare al mondo.

"Sapeva cosa significasse essere indesiderati e scherniti per come si è fatti. Voler trovare la forza e l'orgoglio nelle cose che ti rendono te stesso, nonostante il mondo ti dica di nasconderle"

Qui su Midgard (=Terra) apprenderà aspetti della magia che non comprendeva e non sapeva. 

La cosa che ho apprezzato di più in questo libro è il fatto che non sia incentrato su Thor, Odino o Frigga, bensì sul Dio dell'inganno. Ho amato leggere il rapporto amore-odio-invidia tra i due fratelli. Anzi, ad essere onesti, ci sono state delle volte che volevo entrare nel libro passare un pugno a Thor ed abbracciare Loki. 
Il rapporto burrascoso padre-figlio è stato straziante, volevo con tutta me stessa che Odino accettasse Loki e invece...
Personaggio che mi ha sorpreso è stata Frigga. L'ho sempre vista come una badass ma qui, l'ho vista servizievole, quasi impaurita dalla figura del marito. 

Il Loki della Lee è un giovane che sta cercando di definirsi, qualcuno se cerca di uscire dall'ombra di un fratello amato e ammirato da tutti, un ragazzo che vuole dimostrare a tutti che non è cattivo, perchè non sono gli atti individuali a determinare se qualcuno è buono o cattivo.

Quindi, giunti fin qui, mi chiederete : "consiglieresti questo libro?"
ASSOLUTAMENTE SI.
Che siate fan della Marvel o della mitologia, che siate lettori di YA o meno, questo libro è adatto a tutti.
Ironico, straziante, emotivo,scorrevole,divertente, questo libro è un buon modo per staccare la testa e godersi un buon libro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Viaggio Al Centro Della Terra Di Jules Verne

Ciao a tutti. come state? Oggi vi parlo di un grande classico, un libro che tutti noi dovremmo leggere, un libro che ha ispirato un film fantastico. Parlo del Viaggio al Centro della Terra. AUTORE: JULES VERNE nacque a Nantes, l'8 febbraio 1828. A d  undici anni,  gi mosso  dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e  bloccato  dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con l'editore Hetzel di Parigi e,

Recensione La Trilogia Delle Gemme Di Kerstin Gier

Ciao a tutti come state? Come avete passato il Natale? Oggi vi vorrei parlare della trilogia delle gemme che ho letto un paio di giorni fa. AUTRICE: Ha studiato musicologia, germanica e anglistica, prima di passare allo studio di pedagogia della comunicazione e della psicologia, laureandosi poi in educazione e divenendo insegnante. Dopo diversi lavori, nel 1995 ha iniziato a scrivere romanzi femminili. Vive con il marito e il figlio in un villaggio vicino a Bergisch Gladbach. Dal suo primo libro,  Männer und andere Katastrophen  (1996), è stato realizzato il film omonimo con Heike Makatsch nel ruolo della protagonista.Nel 2005 ha ricevuto il  Premio Delia  internazionale di letteratura per  Ein unmoralisches Sonderangebot , come miglior libro di letteratura romantica in lingua tedesca. Della  Trilogia delle gemme  è stata realizzata una serie di film: il primo,  Ruby Red , è uscito in Germania il 14 marzo 2013; il secondo,  Ruby Red II , è uscito il 7 agosto 2014, mentre il te

Recensione la corte di fiamme e argento di Sarah J.Maas

  Torna a stupirci la queen dei fae con il suo nuovo e attesissimo romanzo ACOSF, libro dedicato interamente a Nesta, sorella di Feyre. AMAZON: https://amzn.to/3b5xWHn TRAMA: Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso